/configurazioni/impostazioni-record-spf

Impostazioni Record SPF

Cos'è e a cosa serve un Record SPF

Un record SPF è un impostazione, da inserire nel DNS, che definisce quali mail server e indirizzi IP sono autorizzati ad inviare email per conto di uno specifico dominio.

Mediante la configurazione di un record SPF è possibile indicare ai server destinatari quali sono gli indirizzi IP autorizzati ad inviare email con mittente il tuo nome di dominio. Questa impostazione ti aiuta ad aumentare la tua sicurezza e proteggerti dalle truffe via email.

L’impostazione di un corretto record SPF fa diminuire la probabilità che qualcuno possa utilizzare il tuo dominio per inviare email di spam o phishing ed aumenta le probabilità che il tuo messaggio non sia marcato come indesiderato. L’impostazione di un record SPF è una configurazione molto semplice da eseguire, non ha alcun costo aggiuntivo né impatto sulle prestazioni.

E' fortemente consigliato impostare un record SPF per ogni dominio attivo su Qboxmail

Impostare un Record SPF

Per impostare il record SPF sul tuo dominio devi accedere al pannello di gestione DNS del provider dove hai registrato il dominio ed aggiungerlo come segue:

Tipo di Record Valore
TXT v=spf1 include:spf.qboxmail.com mx a -all

L’impostazione sopra indicata autorizza anche l’invio di email da parte del server che ospita il tuo sito web.

La verifica sulla correttezza del record SPF è svolta dal server che riceve l’email. Una volta aggiunto il record possono essere necessarie fino a 24 ore prima che la modifica al DNS sia pienamente operativa.

Impostare un Record SPF White Label

Per i Rivenditori sono disponibili dei Record SPF White Label da impostare nei domini degli utenti. Con l’utilizzo dei Record SPF White Label verrà rimosso ogni riferimento diretto a Qboxmail. Puoi scaricare il file PDF con i Parametri White Label per l’accesso ai servizi dall'area clienti dopo aver eseguito l'accesso.

La configurazione White Label è inclusa nel canone del servizio.

Impostazioni avanzate per abilitare record SPF di altri provider

Se le email con mittente il tuo dominio partono anche da altri provider (es. Mailchimp) devi aggiungere anche le loro impostazioni SPF mediante l’aggiunta dei loro “include” come riportato nell’esempio seguente:

Tipo di Record Valore
TXT v=spf1 include:spf.qboxmail.com include:servers.mcsv.net mx a -all

Se per esempio l’indirizzo IP del tuo mail server aziendale (o SMTP dedicato all’invio di DEM) fosse 151.2.3.4 DNS dovresti inserire:

Tipo di Record Valore
TXT v=spf1 include:spf.qboxmail.com ip4:151.2.3.4/32 mx a -all

Fai riferimento al supporto tecnico del tuo attuale fornitore di servizio DNS per la corretta impostazione sul tuo pannello di controllo DNS.

Assicurati di pubblicare un solo record TXT che inclusa tutti gli SPF necessari

Verifica della corretta impostazione del record SPF nel DNS

I server di Qboxmail sono in grado a loro volta di validare il record SPF per le email in arrivo ed aggiungono un header che riporta l’esito di tale validazione. L’header può essere visualizzato aprendo il sorgente del messaggio e si presenta in questa forma: Received-SPF: pass (0: SPF record at spf.qboxmail.com designates 185.97.218.202 as permitted sender)Received-SPF: pass (0: SPF record at spf.qboxmail.com designates 185.97.218.202 as permitted sender)

Quando il risultato è “pass” significa che il Record SPF del mittente dell’email è configurato correttamente.

Al fine di verificare la corretta impostazione del record SPF sul tuo dominio puoi eseguire, da terminale, il comando nslookup:

nslookup -q=txt tuodominio.it

che dovrebbe dare come risultato:

tuodominio.it text = “v=spf1 include:spf.qboxmail.com mx a -all”

In certi casi (es. uso fraudolento dei tuoi indirizzi email per inviare spam) potrebbe essere desiderabile impostare ~all (SoftFail) invece di -all (HardFail) . La differenza sta nel fatto che -all impone ai server destinatari di rifiutare i messaggi dal tuo dominio se questi non arrivano da uno degli IP specificati nel record SPF mentre con ~all il messaggio che arriva da IP non definiti sono ugualmente accettati ma possono essere penalizzati.

Utilizziamo i cookie per fornirti una migliore esperienza di navigazione, continuando ne accetti l’utilizzo.

Acccetta